13 Mag

Estinzione anticipata del finanziamento. Quali rimborsi?

Segnaliamo una recente sentenza del Tribunale di Roma, che torna sul tema dei rimborsi spettanti ai consumatori, in caso di estinzione anticipata del finanziamento, e delle illegittime trattenute da parte degli istituti di credito.

Con sentenza del 28.2.2024, il tribunale capitolino, anzitutto, ha premesso che “secondo quanto statuito dalla Corte di giustizia dell’Unione europea nella già citata sentenza Lexitor, l’articolo 16, paragrafo 1, della direttiva 2008/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2008, relativa ai contratti di credito ai consumatori, deve essere interpretato nel senso che il diritto del consumatore alla riduzione del costo totale del credito in caso di rimborso anticipato del credito include tutti i costi posti a carico del consumatore, compresi quelli che non dipendono dalla durata del contratto”.

Pertanto, ha proseguito il Tribunale, “applicando gli esposti principi al caso di specie, anche la commissione di accensione e la provvigione dell’agente rientrino nell’ambito della rimborsabilità prevista dall’art. 125-sexies, a nulla valendo la diversa previsione contenuta nelle contestate clausole del contratto concluso tre le parti, le quali sono nulle per contrasto con la testé citata norma imperativa”.

Attenzione, dunque, affinché i rimborsi siano esaustivi.

Francesco Salimbeni

Notizie Generali

0 Commenti

Notizie Correlate